L’Hatha yoga, o yoga della forza, è lo yoga che più di ogni altro agisce su un piano fisico, apportando effetti benefici alla scioltezza della colonna vertebrale (ottimo per prevenire e curare il mal di schiena, i dolori cervicali e scoliosi) e all’elasticità di muscoli e tendini. Contemporaneamente l’attenzione dedicata alla respirazione diaframmatica contribuisce a donare al corpo un miglior stato generale di salute.

Corsi attivi:
Lunedì e mercoledì ore 19.15 / Martedì e giovedì ore 8.30
Per info e prenotazioni prove: 3334321719 / 3356329884

Lo Hatha Yoga insegna a dominare l’energia cosmica presente nell’uomo, manifesta come respiro, e quindi a conseguire un sicuro controllo della cosa più instabile e mobile che si possa immaginare, ossia la mente, sempre irrequieta, sempre pronta a distrarsi e a divagare.

In tal maniera lo yoga, influendo insieme sulla vita psichica e su quella fisica dell’individuo, che del resto pensa strettamente congiunte, si propone di compiere una revulsione immediata dal piano dell’esperienza quotidiana, umana e terrena, e di attuare con grande prontezza il possesso della più alta beatitudine. Ecco perché lo Hatha Yoga è anche chiamato “la via celere”.

Chi ne segue le regole non è più un uomo comune ma diventa un Siddha, cioè un uomo perfetto. Uno dei segni ch’egli è un uomo perfetto è appunto lo straordinario dominio sugli elementi, quale si mostra con la pratica del tummò, in virtù della quale l’asceta prova di poter cambiare per suo volere le condizioni stesse della vita.

Le principali pratiche

Un’altra postura dello Hatha Yoga: Sarvangasana, la posizione “della candela”.
Questa breve descrizione della fisiologia indiana è utile per comprendere il significato delle principali tecniche “esteriori” dello Yoga.

  • Asana

    Gli Asana sono posture del corpo con le quali il praticante amplifica le caratteristiche e le attitudini mentali. Ogni postura fa confluire maggiore prana verso specifiche parti del corpo, irradiando le relative nadi_ ed i chakra interessati. Le posture, quindi, non sono soltanto complessi esercizi ginnici, bensì strumenti per incanalare l’energia nelle diverse parti del corpo. Perché la pratica di Asana venga eseguita correttamente è necessaria una giusta attitudine del praticante conforme alle otto membra descritte da Patañjali.

  • Pranayama

    Il Pranayama è un insieme di tecniche di respirazione che consente l’accumulo e l’utilizzo del prana. Attraverso il controllo del respiro il praticante è in grado di purificare il corpo e la mente.

  • Rilassamento

    Le tecniche di rilassamento costituiscono una parte importante dell’Hatha Yoga. Il rilassamento secondo questo tipo di yoga consiste in una pausa rigeneratrice tra un’attività e l’altra ed è una cosa ben diversa dalla pigrizia e dall’ozio, basati invece sul rifiuto del lavoro. Gli esercizi di rilassamento agiscono sia a livello fisico che mentale; seguono generalmente il lavoro effettuato con le posture e gli esercizi di respirazione e costituiscono una premessa alle tecniche di meditazione.

  • Meditazione

    La meditazione è il settimo degli otto passi descritti dal saggio Patañjali per raggiungere l’unione con Dio. La meditazione è il passo immediatamente precedente al Samadhi, ovvero l’unione del meditante con l’oggetto meditato, l’unione dell’anima individuale con l’Anima universale.